Valutazioni psicodiagnostiche

Le valutazioni psicodiagnostiche possono essere utilizzate sia in ambito clinico che in ambito giuridico-peritale.

In un'ottica di benessere personale, sono utili nel tracciare un profilo completo della persona e nel far emergere i punti di forza da utilizzare come risorse e i punti di debolezza da tenere sotto controllo e sui quali lavorare.

In un'ottica più medica e psichiatrica, invece, i test permettono di definire una specifica diagnosi e sostengono gli operatori nella presa in carico e nel progetto di trattamento.

I test utilizzati sono:

 

  • il reattivo di Rorschach (siglatura e interpretazione Scuola Romana Rorschach sulla base del metodo Passi-Tognazzo) è un test di personalità che mira ad individuare la capacità della persona di integrare nella propria visione del mondo aspetti prettamente razionali con aspetti più legati all'emotività e all'affettività;

 


  • l'MMPI-2, il test di personalità maggiormente utilizzato in ambito clinico e medico, che, prendendo in considerazione i principali nuclei patologici esistenti, fa emergere i punti di debolezza della persona e li colloca lungo un continuum che va da un valore statisticamente nella norma ad un valore di patologia;

 

  • la WAIS-R è un test di intelligenza multidimensionale che fa emergere i punti di forza e di debolezza dell'individuo da un punto di vista prettamente cognitivo. Valuta dimensioni importanti come le capacità di apprendimento, le capacità logiche, le capacità mnemoniche, ecc..

  • i test grafici proiettivi (Figura Umana, Famiglia), utilizzano il disegno e sono particolarmente utili per far emergere in modo poco intrusivo alcuni degli aspetti più inconsapevoli e più intimi della persona (sentimenti, emozioni, paure, desideri, ecc).